Istituiti un albo comunale delle manifestazioni, una commissione e una sezione della biblioteca

Il gambero rosso di Santa Margherita sarà protetto dalla De.C.O., la Denominazione Comunale di Origine. È il passo più atteso dopo l’approvazione del regolamento per la tutela e valorizzazione delle attività agroalimentari e delle tradizioni locali, con l’istituzione della De.C.O., approvato ieri sera all’unanimità dal consiglio comunale. In pratica: “Santa” ora ha un regolamento specifico, formato da 13 articoli, per la De.C.O. Ci sarà un albo comunale delle iniziative e delle manifestazioni, un registro, una commissione apposita e anche una sezione speciale della Biblioteca comunale. E il primo prodotto che avrà il riconoscimento è un’eccellenza dalla fama internazionale: il gambero rosso di Santa Margherita . «L’obiettivo è valorizzare il nostro territorio e le sue eccellenze enogastronomiche, tema molto importante anche dal punto di vista turistico – sottolinea l’assessore al Bilancio con delega ai Prodotti Tipici Locali Valerio Costa – su questo abbiamo lavorato con Ascom e Cooperativa pescherecci, che ringrazio. Approvare questo regolamento significa legittimare le nostre eccellenze, riconoscendo in primis il lavoro dei nostri concittadini, e farne, in un certo senso, una nostra bandiera, un orgoglio da esibire nonché un “jolly” da utilizzare per attrarre nuovi visitatori e che mi auguro possa anche creare nuove opportunità di lavoro». Si viaggia sui «45/50 euro al chilo per il gambero rosso grosso di Santa Margherita. Il prezzo lo fa la produzione e la richiesta» spiega Benedetto Carpi, alla guida della Cooperativa fra Armatori e Pescherecci di “Santa”, la più grande marineria a strascico della Liguria.

https://www.ilsecoloxix.it/levante/2018/03/27/news/arriva-la-deco-per-il-gambero-rosso-di-santa-1.30461063