Descrizione Progetto

GIANFRANCO VISSANI

Gianfranco Vissani nasce il 13 gennaio 1951 nella cittadella medievale di Civitella del Lago, in Umbria, nella zona di Orvieto. Frequenta la scuola alberghiera di stato di Spoleto e consegue il diploma nel 1967: lascia poi la sua regione per un lungo periodo di formazione durante il quale lavora nei più qualificati alberghi e ristoranti italiani, tra i quali l’Excelsior di Venezia, il Miramonti Majestic di Cortina d’Ampezzo, il Grand Hotel di Firenze e Zi’ Teresa di Napoli.

Di questo periodo Vissani ricorda con affetto e gratitudine gli insegnamenti degli chef Ramponi e Rispoli e in particolare di Giovanni Gavina. Durante questi soggiorni nelle diverse città d’Italia la sua personalità spiccata e la sua curiosità lo portano ad approfondire la conoscenza delle tradizioni gastronomiche locali.
Terminato l’orario di lavoro Gianfranco Vissani lascia i luoghi della ristorazione di lusso per scoprire le piccole trattorie in cui si consumano piatti e prodotti tipici. Si formano così le due componenti di fondo della sua cucina: da una parte la conoscenza e la pratica della cucina internazionale e della grande cucina classica, dall’altra la freschezza, la varietà dei sapori e la fantasia delle diverse cucine territoriali.

Nel 1974 Gianfranco Vissani torna in Umbria e apre un suo ristorante a Civitella del Lago. Negli anni successivi viene segnalato tra i primi in Italia in tutte le guide gastronomiche e “La Guida d’Italia 1982” pubblicata da “L’Espresso” gli assegna la votazione di 3 cappelli, designandolo primo assoluto, posizione che continuerà a conservare per oltre vent’anni.

Inizia così un periodo di intensa attività in cui, oltre a gestire il suo ristorante, viaggia in Europa, USA, Australia, Thailandia, Giappone, dove viene chiamato a tenere lezioni di cucina, dimostrazioni per la stampa, pranzi di rappresentanza, gare gastronomiche.

Dal 1997 (durante il periodo del Governo di Massimo D’Alema, il quale ha occasione di dichiarare pubblicamente la sua stima e apprezzamento per Vissani) la popolarità del cuoco aumenta notevolmente, fino a farlo diventare un personaggio televisivo. Centonovanta centimetri per 120 chilogrammi, il carattere estroverso di Vissani contribuisce non poco al suo successo e gradimento da parte del pubblico.

E’ significativa anche la sua attività divulgativa, esercitata tramite la stampa, la radio e la televisione. Collabora con Unomattina, dall’estate del 1997. A settembre del 2001 cura la rubrica gastronomica di Dom&Nika In, su RaiUno, per la regia di Jocelyn.

Dal 2002 affianca Paolo Brosio, a Linea Verde su RaiUno.

Vissani è in sintesi promotore di una cucina di alta qualità, basata su ingredienti genuini e piatti della tradizione italiana, e interpretati con grande creatività e fantasia.

Biografia a cura di biografieonline.it